Tutto puoi. (l’arte di arrangiarsi)

Prima che mio fratello partisse per il Brasile, io ero una donna che non sapeva nemmeno cosa fosse il Disco C del Pc. A lui delegavo tutto ciò che ritenevo “cosa da uomini”. Me ne fregavo altamente di “sapermi arrangiare” nelle “cose da uomini”. Perchè dovevo imparare a fare “anche” quello? Sapevo già : cucinare, stirare, fare il bucato, le pulizie, scrivere, cucire, fare collanine, aiutare gli uomini a fare shopping in qualità di personalissima “shopping helper”. Sapevo accendere un Pc, usare i programmi di Windows, andare in internet. Se il Pc si bloccava o faceva le bizze, c’era mio fratello.

Ma poi…un giorno…mio fratello è partito. E io ho dovuto imparare ad arrangiarmi. Quel “ho dovuto” lo penso e lo dico con un’aria sconfortata. Perchè imparare a fare certe cose è stata una sfida, ma anche una seccatura, per me. E del resto, quando non hai alternative e devi “arrangiarti” e l’unico aiuto in casa e tua madre che ha 65 anni e si rifiuta di toccare perfino un cacciavite, che devi fare? Chiedere aiuto al cane?

La prima cosa che ho fatto è stata montare una scarpiera, mentre mia madre mi guardava sfiduciata dicendo “se ci fosse tuo fratello l’avrebbe già montata”. Non mi stava aiutando a riuscirci. O forse, proprio perchè tentava di smontarmi, io l’ho montata. Ero rabbiosa, ma l’ho montata. Ci ho messo quasi tre ore…ma ora la scarpiera è in corridoio. E sta perfettamente in piedi. E le istruzioni di montaggio sembravano quelle dei giochini dell’ovetto Kinder.

La seconda sfida, quella di sistemare ingranaggi, l’ho superata con immenso successo. Ho conosciuto lo Svitol. La serratura del bagno si bloccava ogni tre per due. La chiave era rosicchiata e un po’ contorta. Mia madre è arrivata e mi ha detto “bisogna cambiare la serratura del bagno…io non voglio finire per chiudermi dentro e non uscirne più!”. Cambiare la serratura mi pareva esagerato. Allora ho ricordato che mio fratello, un anno prima, aveva comprato lo Svitol per non ricordo più quale problema di viti e ruggine. Lo Svitol mi ha cambiato la vita e le VITI. E ora la chiave del bagno scivola nella serratura come il burro. Occhio, perchè poi lo Svitol è diventata una specie di droga. La serratura della cassetta delle lettere era arrugginita. Via di Svitol. Il gancio del mio doppio vetro era arrugginito e legnoso. Via di Svitol. Svitol…svitol…svitol.

La terza sfida, che prima o poi avrei dovuto affrontare, ma che temevo e rimandavo sempre, è stata quella con la tecnologia ed è arrivata quando, un giorno, stavo scaricando alcuni file da una chiavetta di un amico sul mio desktop. Io tengo tutto quello che mi interessa sul desktop. Io quando accendo il pc devo trovare tutto li, a portata di occhio e zampa…sul desktop. Ma ad un tratto, durante il trasferimento dati…esce un’icona con una meravigliosa croce rossa e una scrittina caruccia che dice “non c’è più spazio”. Ok, non diceva proprio così…ma quello era il senso. Il mio pc non aveva più spazio. “Ma come fa un pc a non avere più spazio? – ho pensato – un pc è infinito…giusto? No?”

No, non è infinito il pc. Il mio pc, che ormai ha quasi vent’anni, aveva il Disco C pieno. Una bella barra rossa me lo indicava. E come diamine si fa a svuotare un disco C?

Lo so…lo so…ora lo so. Su internet ci sono tutorial perfino per accendere e spegnere il televisore. Io guardo sempre il blog di un certo Salvatore Aranzulla, per esempio. Salvatore Aranzulla è il mio “salvatore” in fatto di software, hardware e “come si fa”.

Quando sono riuscita a disinstallare i software inutili che stavano riempiendo la zona C del mio computer, mi sono sentita…GRANDIOSA.

“Orca miseria – ho pensato – ma io posso tutto…o quasi…da sola”

La quarta è ultima sfida me la risolve spesso il meccanico. Ma voi, donne, lo sapevate che anche le auto hanno le grondaie per la pioggia??? Quando il mio meccanico oggi mi ha detto che “le grondaie della tua auto sono otturate. Ecco perchè le entra acqua in auto. Entra dalla vasca che raccoglie l’acqua piovana e che non riesce ad uscire perchè le grondaie sono occluse” mi sono sentita di fronte ad una grande scoperta. Nessun uomo prima mi aveva parlato di grondaie e di vasche di raccolta…in un’auto! Evviva i meccanici. Il mio, oltre ad essere onesto, mi accompagna a casa e mi viene a  riprendere a lavoro fatto. E non fatevi strani pensieri…potrebbe essere mio padre.

Termino la chiacchierata affermando che non vi nascondo che, ogni tanto , mi tornerebbe utile un amico “uomo” che mi da qualche dritta o mi aiuta con la tecnologia, il montaggio di mobili e la manutenzione corretta di un’auto senza scomodarsi e andare dal meccanico. Però ammetto che c’è una certa, gradevole soddisfazione nel comprendere che, in assenza di un aiuto o un consiglio, posso fare anche da me.

Donne…non spaventatevi. Non siete sole. Avete la vostra buona volontà. E poi c’è internet. I tutorial. Maschietti bravi e saggi che hanno aperto blog su ogni argomento e aprono forum ai quali potete rivolgervi per qualsivoglia domanda. (ho trovato domande assurde…davvero assurde…in certi forum. E loro, questi maschietti abili tutto fare, sono così gentili e pazienti che solo per questo meriterebbero un applauso e anche un indennizzo economico).

Ma sapete quando ho capito che davvero, con la volontà chiunque fa tutto? Quando ho visto il mio caro buon amico di sempre, uomo da chiodo di pelle nera, birra da mezzo e film di Tarantino, cucirsi le mutande da solo. Mentre cuciva, tirava giù qualche santo…lo ammetto. Mi domandava una mano (ma doveva imparare da solo! Mica potevo cucirgliele io…le mutande…., mi sono limitata a dargli qualche dritta e guardarlo). Ma ora…a cucire le mutande…è più bravo di me.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...